Benvenuto in Confesercenti di Vicenza
VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE MICRO IMPRESE
Lunedì 04 Febbraio 2013 10:11
Anche per le micro imprese, cioè le attività con un massimo di 10 dipendenti, è confermato dal Ministero del Lavoro che, entro il 31 maggio 2013,  dovranno adempiere alle procedure standardizzate della valutazione dei rischi (DVR o VDR).
L'autocertificazione avrà valore solo fino a tale data e le micro aziende non vi potranno poi più ricorrere.
 
Rimane invece confermato che tutte le imprese che occupano da 11 a 50 dipendenti dovranno adempiere alla valutazione dei rischi entro il 6 febbraio 2013 avvalendosi anche della procedura standardizzata e non solo di quella ordinaria.
 
Per ulteriori informazioni potete contattare le sedi Confesercenti:
 
VICENZA 0444/569933
MONTECCHIO MAGGIORE 0444/491112
BASSANO DEL GRAPPA 0424/504202
 
 
VENDITA BEVANDE ALCOLICHE: DIVIETO DI SOMMINISTRAZIONE E VENDITA AI MINORI DI 18 ANNI
Martedì 29 Gennaio 2013 12:51
Il Ministero dell'Interno ha chiarito con nota scritta del 25 gennaio 2013 che  il il divieto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 18 anni è imposto sia nel caso in cui vi sia asporto sia nel caso in cui vi sia consumo in loco.
Lo spirito infatti del "Decreto salute" legge n. 189/2012 che promuove “un più alto livello di tutela della salute” imponendo, nell'articolo 14 ter,  il divieto di vendita e somministrazione (quindi anche la somministrazione che si consuma nel posto) di bevande alcoliche ai minori di 18 anni, è quello di penalizzare e punire chi non rispetta tale norma.
 
Infatti si stabilisce che la sanzione amministrativa pecuniaria va da 250 a 1000 euro a chiunque venda bevande alcoliche ai minori di anni diciotto, e quindi senza dubbi anche per tutta la fascia compresa tra i 16 ed i 18 anni.
Se il fatto è commesso più di una volta, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2000 euro, con la sospensione dell’attività per tre mesi.
 
Per delucidazioni e chiarimenti potete contattare Confesercenti 0444/491112
 
VIETATA LA VENDITA DI TABACCHI AI MINORI DI 18 ANNI
Lunedì 14 Gennaio 2013 12:41
Ai sensi dell’Art. 25 del R.D. 24 dicembre 1934, n. 2316 come modificato dall’art. 7 D.L. 158, 13 settembre 2012
convertito con modicazioni dalla Legge 189, 8 novembre 2012,  dal 1° gennaio 2013:
 
- è vietata la vendita e la somministrazione di prodotti del tabacco ai minori di diciotto anni;
- i distributori automatici dovranno essere adeguati alla lettura automatica dei documenti anagrafici con il nuovo limite di età;
- sono inasprite le sanzioni in caso di violazioni alle norme citate: si va da un minimo di 250 euro ad un massimo di 1.000 euro alla prima violazione, mentre se il fatto è commesso più di una volta si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.000 auro e la sospensione, per tre mesi, della licenza all'esercizio dell'attività.
 
Inoltre la legge impone che, in caso di dubbio sull'età dell'acquirente, il rivenditore chieda un documento d'identità prima di vendergli prodotti del tabacco. A scanso di equivoci, è bene chiarire che la richiesta del documento d'identità non è una facoltà, ma un obbligo a meno che l'età del cliente non sia manifesta.
Presso le sedi Confesercenti sono disponibili i cartelli da esporre nei locali pubblici  e nelle rivendite di tabacchi.
 
CONFESERCENTI VICENZA            0444/569933
CONFESERCENTI MONTECCHIO   0444/491112
CONFESERCENTI BASSANO          0424/504202
 
ESPOSIZIONE MATERIALE INFORMATIVO CONTRO IL RISCHIO DI LUDOPATIA
Martedì 08 Gennaio 2013 12:10

Il Decreto Legge n. 158/2012 e ss. modificazioni (Disposizioni urgenti volte a promuovere lo sviluppo del nostro Paese tramite un più alto livello di tutela della salute) prevede, tra l’altro, all’art. 7 comma 5 l’obbligo, per i gestori di sale da gioco e di esercizi ove sussista l’offerta di giochi pubblici o scommesse su eventi sportivi e non, di esporre all’ingresso ed all’interno dei locali il materiale informativo delle competenti ASL in merito ai rischi derivanti dalla ludopatia ed in ordine alla disponibilità sul territorio di appositi servizi per la cura ed il reinserimento dei soggetti con patologie correlate alla dipendenza dal GAP (Gioco d’Azzardo Patologico).

La decorrenza operativa di tale misura sanitaria e della sanzione pecuniaria prevista in caso di eventuale violazione da parte dei concessionari obbligati, è iniziata dal 1° gennaio 2013.

Presso le nostri sedi territoriali sono a disposizione i volantini da esporre, anche nella versione in lingua inglese.

 

 

 
1°OTTOBRE 2013 : SCATTA L’AUMENTO DELL’ALIQUOTA IVA ORDINARIA DAL 21 AL 22%
Martedì 01 Ottobre 2013 08:32

Raccomandiamo di fare attenzione nel calcolo del costo finale dei prodotti venduti al dettaglio quindi IVA compresa.
Ricordiamo che non tutti i prodotti subiranno l’incremento percentuale ma soltanto quelli che attualmente scontano l’aliquota del 21%. Lo stesso riguarda i servizi.
 

Non cambia nulla per la ristorazione e la somministrazione o per coloro che preparano piatti o pizze per asporto (l’aliquota rimane al 10%) è ovvio però che tutta una serie di servizi (combustibili , riparazioni ecc. ad esempio) ed alcuni prodotti (bevande) verranno acquistati con una aliquota IVA del 22%.


Per ogni informazione in merito alle problematiche che sorgeranno in seguito all’incremento dell’aliquota vi invitiamo a rivolgervi agli uffici Confesercenti o di telefonare all’area fiscale al numero 0444/569933 per avere delucidazioni.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 8